Golden Goose Donna Nere

John Reagan heifers, which I was driving to market, were bellowing and looking for water, so I passed them in a hurry. I saw the tall young farmer, and the Red Haired girl, alter though fighting a gallant battle, against great odds, outside Murphy Pub. A battle that encompassed the Donkey, the Law, Mary father, her brother, several inlaws, and of course, the Tall Farmer..

Bolliti? Sulla soglia dei settant la coppia più rocciosa del cinema non ha nessuna intenzione di mollare la presa: dopo aver unito le forze ne I mercenari (saga non ancora terminata), i due si ritrovano sul set di una pellicola che regala momenti ad altissima tensione in un suggestiva, creata all di una mega struttura della NASA a New Orleans. Al loro fianco anche Vincent D 50 Cent e Jim Caviezel. E se la trama è un po prevedibile poco importa: dai in mano a quei due un lanciarazzi e un po di tritolo e il risultato è sempre esplosivo.

Gnomeo e Giulietta arrivano a Londra, in compagnia di amici e parenti. C’è un nuovo giardino da far vivere e Giulietta si mette subito al lavoro, senza curarsi di star trascurando il suo Gnomeo, che per lei farebbe qualsiasi cosa. Ma le creature ornamentali d’Inghilterra sono vittime di una terribile minaccia: qualcuno sta rubando gli gnomi da giardino e la comunità dei due amanti finisce presto nel sacco.

Miriam e Antoine Besson si sono separati malamente. Davanti al giudice discutono l’affidamento di Julien, il figlio undicenne deciso a restare con la madre. Ma Antoine, aggressivo e complessato, vuole partecipare alla vita del ragazzo. Pronti, via. Partenza dal centro, dove il gruppo di volontari aveva allestito una logistica che raramente si trova in competizioni di questo genere. Docce vicine e pulite, il pasta party, i gonfiabili.

Poi volevo chiedere a voi. Ho cominciato una dieta e DEVO assolutamente dimagrire e perdere tra 10 e 15 chili. Ora. Il merito stato di tutti i musicisti coinvolti in un evento durato la bellezza di quattro ore e mezza (volate via letteralmente, non lo dico cos per dire), tre stupefacenti realt di questo territorio sempre cos sorprendente, ma soprattutto di Piers Faccini, l internazionale che ha illuminato l seconda parte dello spettacolo dimostrando come una tradizione folk estremamente localistica, microregionalistica addirittura, possa essere alimentata e corroborata da musica d popolare assai pi accreditata e conosciuta, dando vita con essa ad un processo creativo dinamico e paritario, ad un continuo flusso di stimoli e commistioni intelligenti da cui trarre la prova tangibile delle pi impensabili affinit espressive ed emotive. Il senso di un interamente orientata alla rispettosa rilettura di una tradizione musicale saliente come la pizzica salentina ha trovato nell di forze tra il cantautore indie inglese (ma anche un po italiano, anche un po francese ed innamorato della musica dei neri americani) e l ensemble denominata Canzoniere Grecanico Salentino il punto di maggior interesse in una lunga serata che non ha avuto in realt alcun giro a vuoto. Per primi si sono esibiti gli Argal da Corigliano d (uno dei nove comuni della sensazionale Grec Salentina), custodi di fatto dell patrimonio cantato in griko (il solo dialetto residuale della lingua greca in tutta l meridionale, quella che una volta si chiamava Magna Grecia), che con la loro effervescente ma rigorosa colonna sonora ellenofona sono riusciti ad entusiasmare e a far muovere il culo anche ai pi decrepiti tra i numerosissimi presenti, ad esempio sulle note ormai celeberrime della conclusiva serenata Nifta (praticamente un simbolo di questa terra e dell per essa).

Lascia un commento